Stati Uniti contro Apple sul monopolio dell’iPhone

Washington:

Giovedì il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha stabilito che Apple manteneva illegalmente il monopolio sul suo iPhone, limitando la concorrenza e imponendo costi eccessivi ai consumatori.

La causa, intentata da diversi stati degli Stati Uniti, ha colpito l’iPhone perché guadagna centinaia di miliardi di dollari e rende più difficile per i consumatori passare a smartphone e dispositivi più economici.

La tanto attesa causa contro Apple vede l'azienda fondata da Steve Jobs nel 1976 scontrarsi con Washington dopo essere sfuggita in gran parte alla sorveglianza del governo americano per quasi mezzo secolo.

Si unisce ad Amazon, Google e Meta, proprietaria di Facebook, che stanno affrontando cause legali antitrust negli Stati Uniti.

Giovedì le azioni Apple sono scese del 3,75% a Wall Street.

Al centro della causa ci sono le presunte pratiche di esclusione di Apple, che impongono condizioni rigide e talvolta opache alle aziende e agli sviluppatori che cercano di raggiungere i 136 milioni di utenti statunitensi dell'iPhone.

Secondo la causa, queste regole e decisioni sono progettate per costringere gli utenti Apple a rimanere nell'ecosistema Apple e ad acquistare l'hardware più costoso dell'azienda, l'iPhone.

“I consumatori non dovrebbero essere costretti a pagare un prezzo più alto quando le aziende violano le leggi antitrust”, ha affermato il procuratore generale Merrick Garland.

“A meno che non venga sfidata, Apple continuerà solo a rafforzare il suo monopolio sugli smartphone”, ha aggiunto.

Apple sta reagendo

La causa storica ha individuato le pratiche che, secondo lui, hanno reso Apple ricca a scapito dell’innovazione e dei progressi tecnologici per i consumatori.

In una dichiarazione, Apple ha negato il merito della causa, affermando che era “falsa in fatto e in diritto, e ci difenderemo vigorosamente”.

READ  Un passeggero di Delta Air Lines apre la porta di uscita e attiva lo scivolo di emergenza prima della partenza

In caso di successo, la causa “costituirebbe un pericoloso precedente, consentendo al governo di plasmare la tecnologia delle persone”, ha aggiunto la società.

La causa sostiene che Apple ha soffocato la creazione di portali web one-stop, di SuperApp che potrebbero essere presenti su iPhone, ad esempio, e di altri modi con cui i consumatori possono accedere a servizi come musica, foto o film.

Altri grandi giganti della tecnologia come Meta sognano da tempo di aprire tali super-app sull’iPhone, che rappresenta quasi la metà del mercato statunitense degli smartphone.

Le accuse prendono di mira anche Apple Wallet, l'unica app autorizzata su iPhone ad accedere alla tecnologia per toccare i negozi e costringere gli altri a pagare.

Anche le app di messaggistica sono sotto il microscopio, con i pubblici ministeri che accusano Apple di rendere difficile per gli utenti Apple comunicare facilmente con gli utenti di telefoni Android e di costringerli ad acquistare un iPhone costoso.

L'Apple Watch è disponibile solo con l'iPhone e il case più ampio si riferisce anche agli smartwatch concorrenti con funzionalità molto limitate su iPhone.

Queste cattive pratiche si estendono anche ad altri servizi come browser web, intrattenimento e servizi automobilistici, afferma la denuncia.

Negli ultimi anni, Apple ha investito molto nel miglioramento dei servizi e dell’hardware mentre cerca modi per fare soldi oltre l’iPhone, che è stato introdotto nel 2007 e ha cambiato il mondo della tecnologia di consumo.

Ma la crescita delle vendite di iPhone è rallentata negli ultimi anni, mettendo sotto pressione l’azienda per trovare altre fonti di entrate.

Il Dipartimento di Giustizia ha sottolineato che i profitti di Apple sono maggiori di quelli di qualsiasi altra azienda nella lista Fortune 500 e sono maggiori del prodotto interno lordo di oltre 100 paesi.

READ  Rivelato il tabellone del torneo NCAA; Programma maschile completo con gli orari TV: UConn rivendica il primo posto assoluto

Nel 2023, Apple prevede un fatturato globale di 383 miliardi di dollari e un utile netto di 97 miliardi di dollari.

L'indagine del Dipartimento di Giustizia su Apple è iniziata nel 2019 sotto l'amministrazione Trump.

Apple ha in gran parte vinto una causa statunitense da parte del produttore di Fortnite Epic Games che ha perseguito Apple nelle giurisdizioni di tutto il mondo per le regole e le tariffe che impone sull’iPhone.

In una causa intentata da Spotify, questo mese l’UE ha inflitto ad Apple una multa di 1,8 miliardi di euro (1,9 miliardi di dollari) per aver impedito agli utenti europei di accedere a informazioni su servizi di streaming musicale alternativi e più economici.

(A parte il titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è stata pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *