Gannett, Il caso Google: cosa devi sapere

La più grande catena di giornali della nazione ha citato in giudizio Google martedì, sostenendo che il dominio del gigante della ricerca sul mercato della pubblicità digitale sta soffocando l’industria delle notizie locali in difficoltà.

IL rimostranza Da Gannett, il deposito presso il tribunale federale di New York riguarda violazioni delle leggi antitrust e sulla protezione dei consumatori. È l’ultima sfida per Google e la casa madre Alphabet su questo fronte, a seguito delle azioni del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, del governo australiano e di un gruppo di piccoli settimanali del West Virginia.

UN L’editoriale di Gannett è stato pubblicato su USA Today, un quotidiano nazionale, il CEO dell’azienda, Mike Reid, ha affermato che “Google monopolizza i mercati di software e prodotti tecnologici critici che editori e inserzionisti utilizzano per acquistare e vendere spazi pubblicitari”. Di conseguenza, ha scritto, i giornali stanno raccogliendo meno del mercato da 200 miliardi di dollari per la pubblicità online, anche se i lettori online continuano a crescere.

“La causa di Connett mira a ripristinare una concorrenza leale nel mercato della pubblicità digitale che Google ha demolito”, ha affermato in un comunicato stampa separato. “La pubblicità digitale è la linfa vitale dell’economia online. Senza una concorrenza libera e leale per gli spazi pubblicitari digitali, gli editori non possono permettersi di investire nelle loro redazioni.

In una dichiarazione rilasciata martedì, il vicepresidente di Google Ads Dan Taylor ha negato con veemenza le affermazioni contro la società.

“Ci sono molte opzioni per gli editori per monetizzare utilizzando la tecnologia pubblicitaria”, ha affermato, aggiungendo che Gannett utilizza dozzine di servizi pubblicitari concorrenti. Ha sostenuto che i servizi pubblicitari di Google consentono agli editori di mantenere la maggior parte delle entrate.

READ  Notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina: l'aumento dei prezzi alimentari preoccupa per la conclusione dell'accordo sui cereali; Putin risponde all'attacco al ponte di Crimea

I concorrenti e i critici di Google hanno a lungo accusato Google di utilizzare la sua posizione nel mondo della pubblicità per favorire i propri prodotti rispetto a quelli degli altri. L’ecosistema pubblicitario è incredibilmente complesso e comprende centinaia di aziende che offrono servizi diversi come aiutare a progettare annunci e monitorare se qualcuno fa clic su di essi.

Ma nel corso di due decenni, Google ha costantemente ampliato la propria presenza nel settore pubblicitario acquistando altre società, a differenza dei suoi rivali, gestendo prodotti in ogni fase del processo pubblicitario, vendendo strumenti a inserzionisti ed editori. Agisce da intermediario tra i due. Oggi controlla molte delle piattaforme pubblicitarie più importanti del mondo, tra cui YouTube e Ricerca Google.

Nel 2020, un gruppo di procuratori generali dello stato ha citato in giudizio la società per aver utilizzato pratiche sleali nello spazio. All’inizio di quest’anno, il Dipartimento di Giustizia ha avviato una propria causa. La scorsa settimana, l’Unione Europea ha presentato la propria denuncia secondo cui Google sta cercando di vendere parti del suo impero ad-tech.

Due anni fa, l’Australia ha aperto la strada a Google e Facebook, un altro formidabile attore nel mercato della pubblicità online, per richiedere alle società di media di pagare per tutti i link condivisi. In risposta, Facebook ha bloccato tutte le condivisioni di notizie in Australia e Google ha minacciato di ritirare il suo motore di ricerca dal paese. (Google in seguito ha firmato accordi con i principali editori che li hanno aiutati a evitare le parti più dure della legge.)

HD Media, che possiede diverse riviste settimanali nel West Virginia, ha citato in giudizio Facebook e Google due anni fa e ha invitato altri editori di notizie a unirsi a ciò che il socio dirigente Doug Reynolds ha affermato che “lotterà per il futuro e la protezione del giornalismo”. La nostra democrazia”

READ  Perché Netflix ha ritardato il giro di vite sulla condivisione delle password

Cameron Dowlatshahi, un avvocato antitrust di Los Angeles, ha affermato che le mosse riflettono la frustrazione per il fatto che le aziende non sono riuscite a prosperare nell’era digitale. “Queste aziende fanno affidamento su [Google] Per la loro sopravvivenza”, ha detto. “Forse a questo punto stanno valutando che non sopravviveranno.”

Omar Ochoa, un avvocato antitrust e class action, ha affermato che l’ultima causa legale di Gannett “potrebbe aumentare significativamente le possibilità” di azioni legali da parte degli Stati e del Dipartimento di Giustizia.

All’inizio di quest’anno, il New York Times è andato dall’altra parte, firmando un accordo con Google del valore di circa $ 100 milioni in tre anni. Il giornale di Wall Street.

La causa di Gannett arriva mentre la catena deve affrontare sfide finanziarie, per le quali molti dipendenti incolpano il CEO Reed. La società ha chiuso o venduto diversi giornali dalla sua fusione con la catena Gatehouse nel 2019, che secondo i dirigenti era per il suo potenziale di risparmio sui costi.

Ad agosto, la società ha riportato una perdita di 53,7 milioni di dollari su un fatturato di 748,7 milioni di dollari tra inflazione e aumento dei costi di stampa. Decine di dipendenti sono stati licenziati, compresi alcuni che avevano lavorato l’ultima volta nelle loro redazioni.

Questo mese, centinaia di dipendenti dei giornali 24 Gannett hanno lasciato il lavoro e hanno deciso di non andare a lavorare, poco dopo che Reid ha pubblicizzato tagli e altre “iniziative di gestione dei costi” che hanno fatto risparmiare milioni all’azienda. Il loro sciopero aveva lo scopo di attirare l’attenzione sui tagli al budget e aumentare la pressione sugli azionisti affinché votassero la sfiducia a Reid.

READ  Il telescopio Webb ha scoperto galassie sorprendentemente massicce dell'universo primordiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *