L'inflazione americana “impiega più tempo del previsto” per raggiungere l'obiettivo, afferma Jay Powell

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il presidente della Federal Reserve americana Jay Powell ha affermato che l’inflazione impiegherà “più tempo del previsto” per raggiungere l’obiettivo del 2% della banca centrale, il che potrebbe giustificare tagli dei tassi di interesse.

“Lo abbiamo detto quel giorno [Federal Open Market Committee] “Avremo bisogno di maggiore fiducia nel fatto che l'inflazione si stia muovendo costantemente verso il 2% prima che sia opportuno allentare la politica monetaria”, ha detto Powell martedì.

“Recente [inflation] I dati non ci danno molta fiducia, anzi indicano che ci vorrà più tempo del previsto per raggiungere tale fiducia.

Il capo della banca centrale ha parlato dopo che i mercati globali hanno rafforzato le aspettative di tagli dei tassi, innescando una grande svendita a Wall Street lunedì. Martedì il calo si è diffuso in tutto il mondo, mentre i mercati azionari europei hanno vissuto la giornata peggiore degli ultimi nove mesi e le valute asiatiche si sono indebolite rispetto al dollaro.

Mercoledì, le azioni europee hanno recuperato leggermente, mentre anche i futures azionari statunitensi hanno recuperato terreno nelle prime contrattazioni.

La Fed ha precedentemente indicato di voler tagliare i tassi dal massimo di 23 anni del 5,25-5,5% quest’anno, ma i tempi della prima mossa sono ora dibattuti in mezzo ai segnali di forza sostenuta nell’economia statunitense. – Inflazione attesa.

I dati della scorsa settimana relativi all'inflazione dell'indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti nel mese di marzo hanno portato i mercati a riallineare le aspettative secondo cui la banca centrale taglierebbe i tassi a giugno. Gli investitori ora prevedono che la prima mossa avverrà entro settembre, con una minoranza che scommette che ci saranno uno o meno tagli quest’anno. La corsa per un unico taglio è aumentata dopo i commenti di Powell.

READ  Notizie sul crollo del Baltimora Key Bridge e tentativi di salvataggio

Powell ha segnalato che il PCE core, che esclude la volatilità dei costi alimentari ed energetici, potrebbe aver registrato un aumento del 2,8% a marzo, sebbene l'obiettivo della banca centrale sia legato a un altro indice di inflazione: quello per le spese per consumi personali.

Il capo della Fed ha aggiunto che negli ultimi tre e sei mesi i valori annuali sono stati “effettivamente al di sopra di quel livello”.

I commenti evidenziano un divario crescente tra le aspettative sui tassi per la Fed e le altre principali banche centrali.

La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha dichiarato martedì che il protettore monetario dell’eurozona è ancora sulla buona strada per tagliare i tassi in un “ordine ragionevolmente breve”, senza grandi shock dal Medio Oriente o da altri punti caldi geopolitici.

Si prevede che la BCE taglierà i tassi a giugno.

Lagarde ha affermato che la BCE sta “osservando un processo inflazionistico” in linea con le sue previsioni, secondo le quali l'inflazione dell'Eurozona raggiungerà il suo obiettivo del 2% entro la metà del prossimo anno, dove la traiettoria potrebbe “appiattirsi”.

“Se non avremo un grande shock negli sviluppi, ci stiamo dirigendo verso un punto in cui dovremo ragionevolmente allentare la politica monetaria restrittiva che abbiamo”, ha detto alla CNBC.

Entrambe le banche centrali hanno rapidamente aumentato i tassi nel 2022 e nel 2023 per frenare la peggiore inflazione di una generazione. Tuttavia, la forte economia statunitense fa sì che le pressioni sui prezzi rimangano più forti che in Europa.

L’attività dell’Eurozona ha continuato a diminuire mentre i dati statunitensi sono aumentati negli ultimi mesi, anche se l’inflazione è diminuita drasticamente dopo decenni di massimi su entrambe le sponde dell’Atlantico.

READ  L'ufficiale assolto nel 2020 per la morte di Manuel Ellis si dimette dal nuovo vice incarico dopo essere stato assunto

Quest’anno l’economia statunitense crescerà del 2,7%, rispetto allo 0,8% dell’Eurozona.

Powell ha riconosciuto che la performance dell’economia americana “è stata molto forte”, anche se il caldo mercato del lavoro del paese si sta “muovendo verso un migliore equilibrio” e che la crescita dei salari è ora “moderata”.

Martedì i titoli del Tesoro sono stati svenduti, spingendo i rendimenti al rialzo per la giornata. Il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni sensibili al tasso è salito brevemente sopra il 5% ed è sceso al 4,97% negli scambi di metà pomeriggio.

“Arriveremo al punto in cui dovremo pensare all’escursionismo? [rates]? Non prevedo che ciò accada nell’immediato futuro”, ha affermato Steven Blitz, capo economista americano presso TS Lombard.

Report aggiuntivi di George Steer a New York e Martin Arnold a Francoforte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *