Reazione delle associazioni cinematografiche e televisive internazionali – Scadenza

Aggiornamento, 01:18, 3 maggio: I sindacati cinematografici e televisivi australiani e canadesi si sono uniti all’Inghilterra’s Writers Guild chiedendo ai loro autori di spettacoli americani di ridimensionarsi durante lo sciopero.

Fonti internazionali hanno indicato la possibilità che gli studi di Hollywood assumano scrittori australiani, canadesi e britannici per lavori negli Stati Uniti durante l’azione sindacale, ma ciascuna gilda ha fortemente sconsigliato ai propri membri una simile mossa.

L’Australian Writers’ Guild ha rilasciato oggi una dichiarazione in cui sostiene la WGA. “L’Australian Writers Guild sostiene i nostri colleghi scrittori della WGA nei loro negoziati in corso e nella loro decisione di intraprendere un’azione di sciopero”, ha affermato l’AWG. “I diritti e le condizioni degli sceneggiatori supportano qualsiasi industria cinematografica sana e vivace.

“Poiché l’azione di sciopero è ora in vigore, consiglia l’AWG I membri non possono lavorare su progetti attivi all’interno della giurisdizione della WGA, sviluppare nuovi progetti progettati per la produzione all’interno della giurisdizione della WGA o attraversare picchetti reali o virtuali per la durata dello sciopero.

In una dichiarazione ScadenzaLa Writers Guild of Canada (WGC) ha affermato che sosterrà la WGA durante il suo sciopero, “nella misura del possibile” a causa delle nuove regole introdotte sul lavoro che i membri della gilda canadese possono svolgere durante lo sciopero.

L’elenco delle regole afferma che i doppi membri del WGC e WGA che risiedono negli Stati Uniti sono vincolati dalle regole di sciopero WGA. Un membro del WGC e residente in Canada può continuare a lavorare ai sensi dell’Independent Producer Agreement (IPA), che rimane in vigore fino al 31 dicembre 2023. Tuttavia, i membri non possono accettare “lavori offensivi”. Questi includono programmi che in genere rientrano nella WGA. Allo stesso modo, i membri doppi del WGC e del WGA residenti in Canada possono continuare a lavorare per i produttori coperti dall’IPA. Ancora una volta, evita qualsiasi “lavoro offensivo”.

“Il WGC, insieme ai sindacati degli scrittori di tutto il mondo, è solidale con il WGA nel loro sciopero per un compenso più equo per gli scrittori. Speriamo di trovare una soluzione rapida ed equa”, ha affermato Victoria Shen, direttore esecutivo del WGC.

READ  Il sorvolo di Europa della NASA suggerisce di mescolare “qualcosa” sotto il ghiaccio

Il presidente del WGC Alex Levine ha aggiunto: “I problemi di compensazione che hanno spinto i membri del WGA a scioperare si applicano a tutti gli scrittori nell’era dello streaming digitale. I membri del WGC sostengono gli scrittori del WGA nella loro lotta per la giustizia e applaudiamo la loro forza e determinazione collettiva.

La Writers Guild of Great Britain è stata uno dei primi sindacati a invitare i suoi membri a sostenere la WGA. Gli streamer possono lavorare con scrittori stranieri su progetti locali non affiliati alla WGA: ieri abbiamo rivelato che Paramount+ aveva assunto due produttori con sede nel Regno Unito per sviluppare serie drammatiche. Naufraghi.

Prima, 11:16 PT, 2 maggio: I sindacati internazionali che rappresentano scrittori cinematografici e televisivi di tutto il mondo hanno iniziato a condividere le loro risposte al primo sciopero degli scrittori di Hollywood in 15 anni, con i membri della WGA che si preparano a scioperare.

Migliaia di membri della WGA sono pronti a scioperare a Los Angeles, New York e in altre grandi città degli Stati Uniti martedì pomeriggio dopo che la WGA ha annunciato all’ultimo minuto di non essere in grado di raggiungere un nuovo contratto con la Motion Picture and Television Producers Guild. Triennale in sostituzione di un contratto scaduto lunedì sera.

ha detto Giorgio Claviano, Presidente dell’Unione Italiana Scrittori Scadenza Il sindacato “ha seguito con grande trepidazione le trattative dei nostri colleghi americani”.

Correlati: la copertura completa dello sciopero di Deadline

“Esprimiamo la nostra solidarietà ai nostri colleghi della WGA perché le loro lotte sono le nostre”, ha detto Claviano. “In tutto il mondo, l’immagine dello sceneggiatore è minacciata da salari sempre più rigidi e condizioni di lavoro sempre più irritanti”.

Claviano ha sostenuto le preoccupazioni della WGA sull’uso dell’intelligenza artificiale, scrivendo che la tecnologia sta rendendo il lavoro degli scrittori “sempre più una lotta per la sopravvivenza”. Durante i negoziati con l’AMPTP, il WGA ha chiesto una regolamentazione per l’uso dell’IA nei programmi incentrati sull’MBA. In risposta, gli studi hanno introdotto incontri annuali per “discutere i progressi della tecnologia”.

READ  78 balene pilota uccise davanti a una nave da crociera attraccata alle Isole Faroe: NPR

Claviano ha concluso la lettera: “Sosterremo in ogni modo i nostri colleghi americani. Perché raccontare il mondo, dare vita alle emozioni e regalare sogni al pubblico è ciò che ci interessa e ci accomuna tutti come docenti.

Correlati: cosa è andato storto? Scrittori e studi rivelano cosa non possono (e possono) fare quando viene fissato uno sciopero

Nel frattempo in Israele, il paese ha portato Fonda E Shtisel Per il mondo, la Gilda degli sceneggiatori israeliani ha inequivocabilmente sostenuto la WGA.

“Gli scrittori SGI sono solidali con i nostri fratelli e sorelle WGA E/W e sostengono la loro lotta per la sopravvivenza della scrittura come professione praticabile”, ha affermato questa mattina una dichiarazione sui social media. “SGI è dalla parte di tutti i membri WGA E/W in sciopero al picchetto e chiede che AMPTP sia equo e paghi”.

Hugh Farley, direttore della Writers’ Guild of Ireland, ha indicato la scadenza per una dichiarazione rilasciata dal presidente del WGI Jennifer Davidson il 19 aprile.

“La Writers Guild of Ireland rimane impegnata nei negoziati con i nostri colleghi della WGA per condizioni migliori per i loro membri”, ha affermato. “Le questioni che sollevano sono questioni che dobbiamo affrontare come scrittori irlandesi, se non ora, almeno in futuro”.

Correlati: scrittori in sciopero si radunano sui social media; “Non fidarti già dell’hype. Combatteremo.”

I membri della WGA “meritano un contratto che consenta agli scrittori di condividere il successo dei contenuti che creano”, ha aggiunto Davidson, sottolineando la necessità per gli scrittori irlandesi di essere produttori esecutivi dei propri programmi.

Secondo gli accordi internazionali della Writers Guild, sia il sindacato israeliano che quello irlandese hanno affermato che avrebbero incoraggiato tutti i membri degli scrittori agli spettacoli americani a ridurre gli strumenti. La Writers Guild of Great Britain ha emesso una direttiva simile.

Susin Lindblom-Karman, CEO della Sweden’s Writers Guild, ci ha detto: “Molte delle questioni sollevate dalla Writers Guild of America nei loro negoziati sono rilevanti anche per gli sceneggiatori svedesi ed europei, e siamo grati che siano stati scelti per collaborare azione.”

READ  L'OPEC+ avvia riunioni in cui potrebbero essere concordati ulteriori tagli alla produzione

“Questa lotta sarà di grande importanza per gli scrittori per mantenersi e per gli scrittori per esercitare un’influenza artistica. Writers Guild of America La Writers Guild of Sweden vorrebbe esprimere il nostro pieno sostegno ai nostri college in America e chiediamo ai nostri membri di mostrare solidarietà durante il conflitto.

Il più grande sindacato degli scrittori francesi e La Guilde, affiliato alla WGA, che rappresentano 250 scrittori professionisti di cinema e televisione, ovvero circa un terzo del pool nazionale, hanno espresso sostegno allo sciopero.

“La nostra posizione è di solidarietà con la WGA e siamo assolutamente contrari a chiunque rompa lo sciopero”, ha dichiarato Mary Roussin, presidente dell’organizzazione.

“Abbiamo assistito a un vero e proprio declino nell’ambiente di lavoro degli scrittori americani, con una crescente incertezza e instabilità e l’introduzione della mini-stanza, che sta distruggendo il sistema che gli scrittori usavano per sviluppare e costruire una carriera”.

Tuttavia, ha osservato che La Guilde non poteva impedire ai suoi membri o non membri di lavorare negli Stati Uniti, anche se la sua posizione era contraria a tale mossa.

“Non tutti gli sceneggiatori in Francia sono membri di La Guilde. Come individui, possono fare ciò che vogliono. Non abbiamo autorità sulle loro azioni. Anche per i nostri membri, non possiamo negare loro il lavoro”, ha detto Roussin.

Il mese scorso, La Guilde ha firmato il primo accordo professionale francese tra la SACD (la Società dei drammaturghi e dei compositori) e le organizzazioni di produttori francesi SPI e l’UPSA.

L’accordo storico ha introdotto nuove linee guida per i contratti tra sceneggiatori e la prima struttura del salario minimo. “Siamo molto più forti di prima, ma oggi non siamo riusciti a colpire [in France] Perché non tutti gli sceneggiatori in Francia sono registrati”, ha detto Roussin.

I picchetti da Amazon alla Warner Bros. a 10 studi di Los Angeles e la presentazione di Peacock Newfront sulla 5th Avenue di New York City si ingrosseranno martedì alle 13:00 PT.

L’ultimo sciopero WGA è durato 14 settimane nel 2007-2008.

Aggiorneremo questa storia con una reazione più internazionale man mano che si svolge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *