Regole della Corte Suprema nella legge sulla protezione inaspettata dei diritti di voto degli elettori dell’Alabama nera

WASHINGTON (AP) — La Corte Suprema Giovedì rilasciato una sorpresa Verdetto 5-4 A favore degli elettori neri in un caso di riorganizzazione distrettuale del Congresso dall’Alabama, due giudici conservatori si sono uniti ai liberali nel respingere uno sforzo guidato dai repubblicani per indebolire una legge fondamentale sui diritti di voto..

Il giudice capo John Roberts e il giudice Brett Kavanagh si sono uniti alla parte liberale della corte nel sostenere una sentenza del tribunale di grado inferiore secondo cui la mappa del Congresso dell’Alabama violava il Voting Rights Act . Sette contee dello stato in cui più di un cittadino su quattro è nero sono a maggioranza nera. Lo Stato dovrà tracciare una nuova mappa per le elezioni del prossimo anno.

La decisione è stata ampiamente anticipata per il suo potenziale impatto sul controllo della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, molto divisa. A causa della sentenza, in Alabama e Louisiana potrebbero emergere nuove mappe che consentirebbero agli elettori neri di tendenza democratica di scegliere i loro candidati preferiti in altri due distretti congressuali.

Le conseguenze del fatto che la corte ha consentito di utilizzare la mappa contestata dell’Alabama per le elezioni del 2022 sono state inaspettate e nelle discussioni dello scorso ottobre i giudici sembravano pronti a rendere più difficile la riorganizzazione dei piani discriminatori dal punto di vista razziale ai sensi del Voting Rights Act del 1965.

Lo stesso capo della giustizia ha suggerito l’anno scorso di essere aperto a cambiamenti nel modo in cui i tribunali valutano le richieste di discriminazione ai sensi di una sezione della legge chiamata Sezione 2 della legge. Ma giovedì, Roberts ha scritto che il tribunale rifiuterà di “riformulare la nostra giurisprudenza sull’articolo 2 come richiesto dall’Alabama”.

READ  La California trova gioia nelle tempeste che portano neve, ghiaia e grandine

Roberts faceva parte di una maggioranza conservatrice dell’alta corte in casi precedenti che hanno reso difficile per le minoranze razziali utilizzare il Voting Rights Act in sentenze ideologicamente divise nel 2013. E il 2021.

Altri quattro giudici conservatori hanno dissentito giovedì. Il giudice Clarence Thomas ha scritto: “L’Alabama è costretto a ridisegnare deliberatamente i suoi distretti congressuali di lunga data in modo che gli elettori neri possano controllare più seggi proporzionalmente alla quota nera della popolazione dello stato. La Sezione 2 non richiede nulla del genere, e se lo facesse, la Costituzione lo farebbe non permetterlo».

L’amministrazione Biden si è schierata con gli elettori neri in Alabama.

Il procuratore generale Merrick Garland ha elogiato la sentenza: “La decisione odierna respinge gli sforzi per erodere ulteriormente le protezioni fondamentali dei diritti di voto e protegge il principio secondo cui negli Stati Uniti tutti gli elettori idonei possono esercitare il proprio diritto costituzionale senza discriminazioni. Razza”.

Evan Milligan, un elettore nero e principale querelante nel caso, ha definito la sentenza una vittoria per la democrazia e le persone di colore.

“Siamo grati che la Corte Suprema abbia confermato ciò che sappiamo essere vero: tutti meritano un voto e una voce ascoltata. Oggi è una vittoria per la democrazia e la libertà non solo in Alabama, ma in tutta l’America”, ha detto Milligan.

Il presidente del Partito Repubblicano dell’Alabama, John Wall, ha dichiarato in una dichiarazione che i legislatori statali rispetteranno la sentenza. “Indipendentemente dal nostro disaccordo con la sentenza della corte, riteniamo che la legislatura dell’Alabama ridissegnerà i confini del distretto per garantire che il popolo dell’Alabama sia rappresentato da membri che condividono le loro convinzioni, nel rispetto dei requisiti della legge applicabile”, ha affermato Wall.

READ  Nuggets 2-0 contro Lakers: l'aggiustamento chiave di Denver fa scattare l'impennata di Jamaal Murray in Gara 2

Ma il procuratore generale repubblicano dello stato, Steve Marshall, ha detto che si aspetta di continuare a difendere la mappa contestata in tribunale federale, anche attraverso un processo completo. “Sebbene la decisione della maggioranza sia deludente, questo caso è tutt’altro che concluso”, ha dichiarato Marshall in una nota.

L’avvocato per i diritti civili Deul Rose, che ha sostenuto il caso presso la Corte Suprema, ha affermato che i giudici hanno confermato l’opinione del tribunale di grado inferiore nel caso. Un processo completo “non sembra essere un buon uso del tempo, delle risorse o del denaro pubblico dell’Alabama per continuare a intentare causa”.

La causa sfida la mappa del Congresso dei sette distretti dell’Alabama, che include un distretto con una maggioranza abbastanza ampia da consentire agli elettori neri di eleggere il candidato di loro scelta. Gli sfidanti hanno affermato che un distretto non era sufficiente, sottolineando che la popolazione dell’Alabama nel suo complesso è composta per oltre il 25% da neri.

La corte di tre giudici, due dei quali nominati dall’ex presidente Donald Trump, ha avuto pochi problemi a stabilire che il piano potrebbe aver violato il Voting Rights Act diluendo il voto dei neri dell’Alabama. Quella “potenziale” violazione ha spinto un collegio di tre giudici a emettere un’ingiunzione preliminare, che ha ordinato il disegno di una nuova mappa.

Ma il governo si è subito appellato alla Corte Suprema, dove cinque giudici conservatori hanno bloccato l’esecuzione della sentenza del tribunale di grado inferiore. Allo stesso tempo, il tribunale ha deciso di esaminare il caso dell’Alabama.

La mappa del Congresso della Louisiana è stata identificata separatamente come discriminatoria da un tribunale di grado inferiore. Anche quella mappa è in vigore dallo scorso anno e ora deve essere ridisegnata.

READ  Kiev rivendica la distruzione dei missili russi

Anche i suoi casi pendenti contro i distretti congressuali in Georgia e Texas potrebbero essere influenzati, ha dichiarato la National Redistricting Foundation in una nota.

Separatamente, in autunno la Corte Suprema esaminerà un appello contro la sentenza del tribunale di primo grado della Carolina del Sud. Quel caso potrebbe portare a una mappa ridisegnata nella Carolina del Sud, dove sei membri della Camera degli Stati Uniti sono repubblicani e uno è democratico.

C’è anche una politica di parte nel caso dell’Alabama. I repubblicani, che dominano le cariche elettive in Alabama, si oppongono alla creazione di un secondo distretto a maggioranza nera democratica, o vicino a uno, che potrebbe mandare un altro democratico al Congresso.

I giudici hanno scoperto che l’Alabama concentrava gli elettori neri in un distretto mentre li distribuiva tra gli altri per rendere più difficile per loro scegliere più di un candidato a loro scelta.

La popolazione nera dell’Alabama è abbastanza grande e geograficamente compatta da formare un secondo distretto, hanno scoperto i giudici.

L’Alabama, che ha negato la discriminazione, ha sostenuto che la sentenza del tribunale di grado inferiore avrebbe costretto gli elettori a ordinare in base alla razza e ha insistito sul fatto che stava adottando un approccio “razza neutrale” alla riorganizzazione distrettuale.

Nelle discussioni di ottobre, il giudice Ketanji Brown Jackson ha deriso l’idea che la razza non potesse far parte dell’equazione. Jackson, la prima donna di colore in tribunale, ha affermato che gli emendamenti costituzionali approvati dopo la guerra civile e il Voting Rights Act un secolo dopo avevano lo scopo di fare lo stesso, rendendo i neri americani “uguali ai cittadini bianchi”.

___

Lo scrittore dell’Associated Press Kim Chandler ha contribuito a questo rapporto da Montgomery, Alabama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *