Il giudice nega la richiesta di Trump di rinviare il processo e di prendere in considerazione il cambio di sede in una causa di silenzio



CNN

La Corte d'Appello di New York rifiutò Donald TrumpUna mozione per cambiare la sede del suo prossimo processo segreto.

Lunedì gli avvocati dell'ex presidente hanno esortato la corte a rinviare il processo in modo da poter prendere in considerazione un cambio di sede, sostenendo che Trump non sarebbe in grado di ottenere una giuria equa a New York.

Ma il giudice associato Lisbeth Gonzalez ha rapidamente negato la mozione di porre fine al processo dopo aver ascoltato le argomentazioni lunedì, e non ci sono state ulteriori argomentazioni sulla mozione di cambiare sede.

Gli avvocati di Trump hanno presentato la mozione a una corte d'appello statale una settimana prima Prima che inizi il suo processo.

Gli avvocati di Trump hanno detto che presenteranno una mozione contro questo Ordine del gallo Il giudice Juan Mercantil ha vietato ai testimoni, al personale e ai familiari del tribunale e dell'ufficio del procuratore distrettuale di discutere pubblicamente dell'imminente processo di Trump. Lunedì non si è discusso.

All'udienza di lunedì presso la corte d'appello, l'avvocato di Trump Emil Bowe ha raccontato un sondaggio e uno studio sui media a cui si faceva riferimento nella precedente mozione dell'ex presidente a Merson per un rinvio basata sulla pubblicità preliminare del processo. Il giudice non si è pronunciato sul ricorso.

“Questo caso è unico in termini di pubblicità preliminare in questo distretto”, ha detto Bowe.

La selezione della giuria non può ragionevolmente continuare la prossima settimana nella contea di New York, che è Manhattan, e l'avvocato di Trump ha ribadito che, sulla base delle loro ricerche, il processo sarà ritardato mentre la mozione di cambiare sede sarà risolta.

READ  Rilasciato il programma NFL 2024: ecco i giochi che conosciamo prima dell'annuncio completo di mercoledì

Steven Wu, capo degli appelli dell'ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan, ha sostenuto che gli avvocati di Trump hanno presentato la richiesta così vicino all'inizio del processo che era troppo tardi. Ha detto che la procedura corretta sarebbe che Trump rinnovasse la sua richiesta di cambio di sede se risultasse che il processo di selezione della giuria non può includere un giurato ragionevole della contea di New York.

La questione non è cosa dicono i sondaggi di Trump, ma se la giuria può ospitare 12 giudici neutrali e supplenti.

“L'imputato ha presupposto in tutta questa argomentazione che la pubblicità qui sia intrinsecamente pregiudizievole. I fatti non lo confermano”, ha detto Wu. La maggior parte degli articoli, ha detto Wu, riassumevano le accuse e la “massiccia copertura” del caso. un caso del genere attira l'attenzione internazionale.

Niente nei documenti di Trump suggerisce che la contea di New York sia particolarmente satura di copertura mediatica o che i newyorkesi della contea siano particolarmente incapaci di essere onesti, ha sostenuto Wu.

“Il fatto che i giurati siano a conoscenza di questo caso non è un segno di parzialità”, ha detto Wu. “L'imputato arriva a questo argomento con le mani sporche perché la maggior parte della pubblicità è sua.”

Lunedì è stato rilasciato anche un questionario per la giuria per il processo del silenzio. Ai potenziali giurati viene posta una vasta gamma di domande: dalla città in cui vivono, da dove ricevono le notizie, se hanno mai partecipato a una manifestazione per un ex presidente o se hanno avuto legami con gruppi come i Proud Boys o il movimento QAnon.

READ  La polizia afferma che Bolsonaro anti-vax ha falsificato la tessera vaccinale prima del viaggio negli Stati Uniti

Ai potenziali giurati viene chiesto quali sentimenti provano nei confronti di Trump e se loro o qualcuno nella loro cerchia è mai stato a un raduno di Trump o ha lavorato o fatto volontariato per la campagna presidenziale di Trump, l’amministrazione presidenziale Trump o qualsiasi altra organizzazione politica affiliata a Trump. Verrà inoltre chiesto loro se hanno mai partecipato a un gruppo o a un evento anti-Trump. Ma non viene chiesto loro esplicitamente a quale partito politico appartengono, per chi hanno votato o a chi hanno dato contributi politici.

Oltre al consumo di notizie, ai giurati è stato chiesto anche se avessero mai letto o ascoltato libri o podcast. Michael CohenUn ex avvocato di Trump e testimone centrale nel caso contro di lui, o un ex avvocato di Manhattan Marco Pomeranz Ha anche scritto un libro sul caso.

La selezione della giuria inizierà il 15 aprile nel processo Hush Money.

Questo argomento e questa storia sono stati aggiornati con ulteriori miglioramenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *