Netanyahu dice che non c’è modo di eliminare Hamas senza l’operazione Rafah

Martedì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di portare avanti un’offensiva nel sud di Gaza City, dove più di 1 milione di sfollati sono fuggiti dall’inizio della guerra, di fronte alle pressioni degli Stati Uniti affinché abbandonino i piani di invasione di Rafah. .

Nel suo intervento al Comitato per gli Affari Esteri e la Sicurezza della Knesset, ha affermato che Netanyahu rifiuta le pressioni – anche da parte di Washington – affinché Israele “raggiunga gli obiettivi della guerra”.

I suoi commenti, diffusi dal suo ufficio, sono arrivati ​​il ​​giorno dopo aver parlato al telefono con il presidente Biden, che ha chiamato una delegazione israeliana a Washington per avere consigli sull'attacco.

Hanno segnalato una crescente spaccatura tra Stati Uniti e Israele sulla gestione di una guerra a Gaza che ha ucciso più di 31.800 palestinesi, ha affermato il ministero della Sanità di Gaza.

La popolazione totale di Gaza, pari a 2,2 milioni di persone, si trova ad affrontare una grave insicurezza alimentare e necessita di aiuti immediati, ha dichiarato martedì il Segretario di Stato Anthony Blinken. Si tratta dell'approvazione di massimo livello da parte di un funzionario statunitense in un rapporto pubblicato lunedì dal principale organismo mondiale sulle emergenze alimentari.

Un rapporto da una raccolta di organizzazioni internazionali e di beneficenza Iniziativa integrata di classificazione delle fasi di sicurezza alimentare o IPC, ha affermato che Gaza si trova ad affrontare livelli catastrofici di fame e di fame. La carestia è già a rischio nel nord di Gaza, isolata dalla parte meridionale del territorio, afferma il rapporto.

Gli operatori umanitari e i funzionari occidentali sono profondamente scettici sul fatto che esista un modo per proteggere i civili durante l’assalto a Rafah, dove gran parte degli aiuti in arrivo vengono ispezionati.

READ  Josef Newgarden vince la 500 miglia di Indy, battendo Marcus Ericsson

Ma Israele non si è mosso. Netanyahu ha detto di aver reso “il più chiaro possibile” al presidente Biden che “non c'era modo” di rimuovere i restanti battaglioni di Hamas a Rafah “senza infiltrazioni sul terreno”.

“Non vediamo alcun modo per eliminare militarmente Hamas senza distruggere le milizie rimaste. Siamo determinati a farlo”, ha detto.

La delegazione israeliana negli Stati Uniti includerà il ministro degli Affari strategici Ron Dermer e il consigliere per la sicurezza nazionale Tachi Hanegby, ha detto martedì l'ufficio del primo ministro, indicando che saranno inviati a “continuare a combattere”.

Un rappresentante delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) li accompagnerà, si legge nella nota. La portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha detto che la visita avrà probabilmente luogo all'inizio della prossima settimana.

Le tensioni su Rafah arrivano mentre in Qatar sono in corso nuovi colloqui per il cessate il fuoco con la speranza che i mediatori possano convincere Israele e Hamas ad accettare un accordo che includa il congelamento del rilascio di alcuni ostaggi e prigionieri palestinesi.

Il portavoce del ministero degli Esteri del Qatar, Majid al-Ansari, ha avvertito martedì che qualsiasi attacco a Rafah farebbe deragliare i delicati negoziati. Ha detto che il Qatar è “cautamente ottimista” dopo la ripresa dei colloqui, ma ha aggiunto che un accordo non è immediatamente in vista.

David Barnia, capo dell'agenzia di intelligence israeliana Mossad, ha lasciato martedì la capitale del Qatar Doha, ha confermato Ansari, lasciando una squadra israeliana per continuare le discussioni.

Questo è un “momento particolarmente critico”, ha affermato Yaakov Amitrar, ex consigliere per la sicurezza nazionale israeliana di Netanyahu. “Se le proteste finiranno senza un accordo, Israele andrà immediatamente a Rafah”, ha detto Amitar nella sua valutazione della pianificazione israeliana sui colloqui.

READ  C. Azioni asiatiche in vista delle riunioni bancarie

“Se si conclude con un accordo, Israele aspetterà e poi andremo a Rafah”, ha aggiunto. “Sappiamo che Hamas sarà meglio preparato, ma siamo pronti a pagarne il prezzo”.

Amitror ha detto che Israele non vuole che i residenti palestinesi ritornino nel nord durante un cessate il fuoco, poiché sembra che Hamas stia cercando di reintegrarsi nelle aree precedentemente distrutte. Ha fatto riferimento al raid israeliano contro l'ospedale al-Shifa di Gaza City lunedì.

L'IDF ha affermato di aver ucciso 50 militanti e arrestato più di 180 “sospetti” durante l'operazione in ospedale.

Secondo il portavoce della protezione civile di Gaza, Mahmoud Bassel, le forze israeliane sono rimaste nel complesso dell'ospedale martedì. “Ci sono stati bombardamenti continui e senza sosta per tutta la giornata”, ha detto Basel, aggiungendo che era impossibile effettuare chiamate di soccorso e raggiungere i residenti.

“Venti case sono state bombardate ogni giorno da ieri, oltre ai bombardamenti e agli spari nelle strade”, ha detto.

In una telefonata di lunedì, Biden ha affermato che qualsiasi tentativo di “schiacciare” Rafa sarebbe sbagliato e che i suoi principali sostenitori militari e diplomatici, Israele e Stati Uniti, sono intervenuti in difesa nazionale della Casa Bianca in un “momento strategico chiave”. Il consigliere Jake Sullivan ha detto ai giornalisti quel giorno.

Pur condividendo l'obiettivo di sconfiggere Hamas, Biden ha detto a Netanyahu che Israele deve sviluppare una “strategia coerente e sostenibile” senza ulteriori morti e distruzioni civili a Gaza e con la prospettiva di una pace a lungo termine.

Netanyahu, ha detto Sullivan, ha accettato la richiesta di Biden di inviare una squadra composta dai suoi massimi funzionari militari, di intelligence e umanitari per incontrare i funzionari dell'amministrazione. Durante l'incontro, ha detto, gli Stati Uniti “definiranno un approccio alternativo prendendo di mira gli elementi chiave di Hamas… senza una grande invasione di terra”.

READ  Dichiarazione del presidente Joe Biden sulla sentenza della Corte Suprema sullo sgravio dei prestiti agli studenti

“In segno di rispetto verso il presidente, abbiamo accettato di lasciare che ci presentassero le loro opinioni, soprattutto sul lato umanitario”, ha detto Netanyahu. Naturalmente condividiamo pienamente questo desiderio che le persone se ne vadano in modo ordinato e forniscano aiuti umanitari”, ha affermato, riferendosi agli oltre 1 milione di civili che si erano radunati a Rafah, la maggior parte dei quali erano fuggiti dai combattimenti altrove a Gaza.

Le Nazioni Unite e altre organizzazioni umanitarie hanno affermato che non esiste un posto sicuro in cui le persone possano andare, che non sono stati fatti preparativi per ricollocarle e che qualsiasi sfollamento forzato costituisce una violazione del diritto internazionale.

Diritti umani delle Nazioni Unite Martedì l'Alto Commissario Volker Turk ha attribuito la causa della fame a Gaza alle “ampie restrizioni israeliane all'ingresso e alla distribuzione di aiuti umanitari e beni commerciali, allo sfollamento della maggior parte della popolazione, nonché alla distruzione di infrastrutture civili critiche”. .”

“Questo disastro è causato dall'uomo e completamente prevenibile”, ha detto.

Morris riferiva da Berlino, Deung da Washington e Balusha da Amman. Michael Birnbaum di Manila ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *